cosa

 

Z.O.L.F.O. ZONE O LUOGHI FUORI ORDINARIO

 

LA RICCHEZZA DI RISORSE D’ACQUA CARATTERIZZA NEI SECOLI IL BACINO EUGANEO, CON LA PRESENZA DI NUMEROSI CORSI D’ACQUA OLTRE CHE DI AMBIENTI LACUSTRI NATURALI (COME IL LAGO DI ARQUÀ) E ARTIFICIALI (AD ESEMPIO I LAGHETTI DI CAVA) MA SOPRATTUTTO DI SORGENTI TERMALI. SINO DALLE EPOCHE PIÙ ANTICHE, LA PRESENZA DI CORSI D’ACQUA E DI SORGENTI TERMALI CON PROPRIETÀ TERAPEUTICHE SONO ELEMENTI CATALIZZATORI DEGLI INSEDIAMENTI. ANCHE SE LE VIE D’ACQUA HANNO PERSO ORMAI OGNI FUNZIONE PRODUTTIVA O COMMERCIALE, OGGI SONO PIUTTOSTO UN ELEMENTO FONDAMENTALE PER LA CONOSCENZA E LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E AMBIENTALE DEL CONTESTO. IL NOSTRO PROGETTO SI INTERESSA A DUE SITI TERMALI DA RIVITALIZZARE, CHE SONO COLLEGATI DAL SISTEMA DI CANALI BISATTO E BATTAGLIA: LA VALCALAONA A BAONE E L’AREA EX I.N.P.S. (PARCO, FABBRICATO E TERME) A BATTAGLIA TERME. LA STORIA MODERNA E RECENTE DI ENTRAMBI I CONTESTI È LEGATA ALL'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICI DI SFRUTTAMENTO DELLE RISORSE TERMALI (SORGENTI D'ACQUA, FANGHI), CHE OGGI SONO CARATTERIZZATE DALLA PRESENZA DI COMPLESSI APERTI MA NON FRUIBILI O DA STRUTTURE IN CONDIZIONI DI DEGRADO. LA VALCALAONA È UNA VASTA AREA PIANEGGIANTE ALLE PENDICI DEI MONTI CERO, CINTO E LOZZO, LAMBITA DALLO SCOLO DI LOZZO E DAL CANALE BISATTO. GLI STUDI INDICANO LA FREQUENTAZIONE ANTICA DELL’AREA, TESTIMONIATA DA REPERTI DATATI AL MESOLITICO E SOPRATTUTTO AL NEOLITICO ANTICO E RECENTE, CHE SONO ESPOSTI AL MUSEO NAZIONALE ATESTINO. LA FONTE DI ACQUA TERMALE, UTILIZZATA SIN DAL MEDIOEVO, È STATA SFRUTTATA DAGLI ABITANTI DELL’AREA PER SECOLI. NEI PRIMI DECENNI DELL’OTTOCENTO VENGONO REALIZZATE LE PRIME STRUTTURE, A FRUIZIONE PUBBLICA. GIÀ DALLA FINE DEGLI ANNI ‘20 DEL NOVECENTO, ANCHE IN CONSEGUENZA DEGLI EVENTI BELLICI, LE TERME ERANO IN CONDIZIONI DEGRADATE. VALORIZZARE IL CONTESTO STORICO-AMBIENTALE DI BATTAGLIA TERME, SITO IN CUI "TUTTO È LEGATO O IN RELAZIONE ALL'ACQUA", È LO SCOPO DEGLI EVENTI QUI PROGETTATI. LL FULCRO DELLE INIZIATIVE SI COLLOCA NEL PARCO S. PIETRO D'ABANO, EX COMPLESSO I.N.P.S. L’AREA OGGI È DESTINATA A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO CON AREE A GIARDINO. NEI SECOLI PASSATI, VIAGGIATORI DA TUTTO IL MONDO ERANO ATTRATTI DALLE RISORSE TERMALI DEL COLLE DI S. ELENA, RINOMATE PER LA TRADIZIONE DEI BAGNI PURIFICATORI. L'ANTICA GROTTA SUDORIFERA È UN SUGGESTIVO AMBIENTE SATURO DI ARIA CALDA UMIDA TERMALE, OGGI ABBANDONATO. LO STABILIMENTO TERMALE I.N.P.S. PIETRO D'ABANO FU REALIZZATO NEL 1936, SUL SITO DI UN PRECEDENTE IMPIANTO TERMALE. IL COMPLESSO, DOPO 50 ANNI DI ATTIVITÀ, È OGGI IN ABBANDONO. RESTA UN IMPONENTE EDIFICIO ALBERGHIERO IN ARCHITETTURA MONUMENTALE DEL PIENO PERIODO FASCISTA, CON ANNESSE CURE TERMALI, IMMERSO IN UN LUSSUREGGIANTE SPAZIO VERDE. IL PARCO ERA GIÀ ALLORA FAMOSO PER IL GIARDINO ALL'ITALIANA CON FONTANE, ALCUNE ALIMENTATE DA ACQUA TERMALE, E AMPI VIALI OMBREGGIATI DA MAGNOLIE E TIGLI. IL PROGETTO Z.O.L.F.O. PROPONE DUNQUE INIZIATIVE CULTURALI DI RICHIAMO: MOSTRE STORICO- DOCUMENTARIE, EVENTI, ARTISTICI, ATTIVITÀ LUDICO-DIDATTICHE, PERFORMANCES MUSICALI E TEATRALI, CONCORSI D'IDEE, PER RILANCIARE L'OFFERTA TURISTICA E LA PROMOZIONE CULTURALE DEL TERRITORIO ATTRAVERSO IL DIALOGO TRA ARTISTI, RESIDENTI E ASSOCIAZIONI CULTURALI.